Azioni Parallele

NUMERO 5 - 2018
Azioni Parallele
è una rivista on line a periodicità annuale, che continua in altre modalità la precedente ultradecennale esperienza di Kainós.
La direzione di Azioni Parallele è composta da
Gabriella Baptist,

Aldo Meccariello
e Andrea Bonavoglia.
La distribuzione è affidata a Ergonet (VT).

La sede della rivista è Roma.

-Informativa sui cookie-

AP on line e su carta

AP 3 - 2016

indice completo
[compra il libro
presso ARACNE]


AP 2 - 2015
apri l'indice
indice completo
[compra il libro 
presso ARACNE]


 AP 1 - 2014
apri l'indice
indice completo
[compra il libro 
presso ARACNE]


 
SEMINARI

Modern/Postmodern

ed. MANIFESTO LIBRI
[compra presso IBS]

Solitudine/Moltitudine

ed. MANIFESTO LIBRI
[compra presso IBS]

Informazioni e visite

Abbiamo 342 visitatori online

OS
Linux w
PHP
5.5.37
MySQL
5.5.5-10.1.31-MariaDB
Ora
18:09
Caching
Abilitato
GZip
Disabilitato
Visite agli articoli
421728

Siti "paralleli"

Siti amici di "Azioni Parallele"  

Saggi

LUOGHI non troppo COMUNI

- ricerche, articoli, saggi -

 

 

Del diritto alla città ovvero del luogo dell’abitare dell’uomo


La lettura evolutiva dalla polis greca alla cosmopoli contemporanea consente una possibile teoria della ricostruzione delle città.


 

Heidegger e la chiacchiera


La chiacchiera, secondo l'Heidegger di Essere e tempo, funziona come il meccanismo di un’interpretazione prestabilita: è la comprensione media nella quale l’uomo si trova immerso. 


 

L’uomo senza quantità. Decostruzione del privilegio e anarchismo socio-rivoluzionario


Il discorso sul privilegio può partire dal programma dell’anarchismo rivoluzionario ottocentesco, ma deve essere totalmente riveduto e aggiornato in base alle acquisizioni teoriche fornite da Pierre Bourdieu, da John Rawls, da James Hillman, da Peter Sloterdijk.


 

Piove, governo ladro!


Se il linguaggio è la matrice di una relazione che voglia definirsi politica, il luogo comune diventa il fenomeno comunicativo capace di rivelare, in forma certo superficiale quanto ambigua, quel giudizio nel quale una comunità rischia di riconoscersi. 


 

Le capanne dello Zio Taut


Negli anni difficili della Repubblica di Weimar, Bruno Taut fu talmente prolifico nella capitale tedesca che il suo ruolo dovette assomigliare a quello del costruttore perfetto, dell'architetto per tutte le stagioni. Eppure, in molte storie dell'architettura moderna il suo nome risulta citato appena, e quasi esclusivamente collegato all'espressionismo degli anni precedenti la Grande Guerra.


 

La risorsa dell’identità universale nella riflessione di François Jullien


Ne "L'universale e il comune" del 2008 François Jullien ha cercato di gettare un ponte fra pensiero occidentale e pensiero cinese.


 

Luoghi: nozioni comuni della mente, spazi aperti e chiusi, ecceità, flussi-eventi e metamorfosi


In genere si considerano luoghi comuni le convinzioni della massa, che coincidono talvolta col buon senso e talaltra con le banalità di un sapere privo di criticità, il senso comune. Ma letteralmente i luoghi comuni sono i luoghi dell’abitare, i luoghi pubblici, di transito e di stazione, luoghi di attività della nostra esistenza di lavoro e di vita materiale, luoghi di relazioni sociali o spazi chiusi.


La banalità di Koons


Maestro nel ricostruire la banalità della vita, Jeff Koons è l’autore di alcuni snodi centrali nell’immaginario artistico degli ultimi trent’anni e non a caso il più importante museo americano di arte moderna, il Whitney di New York, nel 2014 lo ha celebrato con una grandiosa retrospettiva.