Azioni Parallele

NUMERO 4 - 2017
Azioni Parallele
è una rivista on line a periodicità annuale, che continua in altre modalità la precedente ultradecennale esperienza di Kainós.
La direzione di Azioni Parallele è composta da
Gabriella Baptist,

Aldo Meccariello
e Andrea Bonavoglia.
La distribuzione è affidata a Ergonet (VT).

La sede della rivista è Roma.

-Informativa sui cookie-

AP on line e su carta

AP 3 - 2016

indice completo


AP 2 - 2015
apri l'indice
indice completo
[compra il libro 
presso ARACNE]


 AP 1 - 2014
apri l'indice
indice completo
[compra il libro 
presso ARACNE]


 
SEMINARI

Modern/Postmodern

ed. MANIFESTO LIBRI
[compra presso IBS]

Solitudine/Moltitudine

ed. MANIFESTO LIBRI
[compra presso IBS]

Informazioni e visite

Abbiamo 212 visitatori online

OS
Linux w
PHP
5.5.37
MySQL
5.5.5-10.1.18-MariaDB
Ora
10:18
Caching
Abilitato
GZip
Disabilitato
Visite agli articoli
375451

Siti "paralleli"

Siti amici di "Azioni Parallele"  

SCALE A SENSO UNICO

Scale a senso unico


Scale mobili, a più percorsi o a senso unico condensano gli itinerari dei filosofi e i loro impervi cammini verso il sapere. Per non dire di quanto l'’immaginario poetico e la rappresentazione religiosa abbiano spesso trovato nel dislivello e negli artifici per superarlo una potente immagine simbolica.


 

Salire o scendere?


In fin dei conti la strada per l’acropoli è sempre la stessa, comunque la si percorra, salendo o scendendo. Ma salire e scendere sono, alla fin fine, una stessa realtà o due esperienze distinte? 


 

Scale filosofiche a “senso unico”


Ludwig Wittgenstein ci ha lasciato in eredità un difficile problema ermeneutico con la famosa immagine della scala, contenuta nella penultima proposizione del Tractatus.


 

Per l’altrui scale


Un confronto tra le mille scale della storia dell’arte, create o rappresentate per tanti diversi motivi e significati, non può essere che soggettivo e arbitrario, ma è sicuramente stimolante ...
 


 

Scale senza tempo


Funzionalmente, la scala serve a superare un dislivello e molto prosaicamente le scale intese come elementi edilizi seguono regole precise di altezza e lunghezza. 
M
a una scala che si alzi verso il cielo, senza punto di arrivo, come una tomba a màstaba o la Torre Eiffel, segue anch'essa delle regole?