abbiamo aggiornato l'informativa sui cookie

Azioni Parallele

NUMERO 5 - 2018
Azioni Parallele
è una rivista on line a periodicità annuale, che continua in altre modalità la precedente ultradecennale esperienza di Kainós.
La direzione di Azioni Parallele è composta da
Gabriella Baptist,

Aldo Meccariello
e Andrea Bonavoglia.
La distribuzione è affidata a Ergonet (VT).

La sede della rivista è Roma.

Nuova informativa sui cookie

AP on line e su carta

AP 4 - 2017

indice completo


AP 3 - 2016

indice completo
[compra il libro 
presso ARACNE]


AP 2 - 2015
apri l'indice
indice completo
[compra il libro 
presso ARACNE]


 AP 1 - 2014
apri l'indice
indice completo
[compra il libro 
presso ARACNE]


LIBRI - SEMINARI

Mounier - ed. Chirico

[compra presso l'editore Chirico]


Modern/Postmodern
ed. MANIFESTO LIBRI
 
[compra presso IBS]


Solitudine/Moltitudine
ed. MANIFESTO LIBRI

[compra presso IBS]


 

Informazioni e visite

Abbiamo 686 visitatori online

OS
Linux w
PHP
5.5.37
MySQL
5.5.5-10.1.33-MariaDB
Ora
09:14
Caching
Abilitato
GZip
Disabilitato
Visite agli articoli
458300

Siti "paralleli"

Siti amici di "Azioni Parallele"  

Discussioni

Jean-Luc Nancy, Cascare dal sonno


Nel sonno il soggetto risucchiato che ha perso ogni controllo su di sé è di fatto spossessato, sottratto ai suoi aspetti e alle sue funzioni, concentrato in quell’unica funzione che non lo fa più funzionare. Cascare dal sonno è la suggestiva riflessione filosofica di Nancy sull'argomento.


 

Jacques Revel, Giochi di scala. La microstoria alla prova dell’esperienza


La riduzione di scala ha il merito di utilizzare, nel lavoro storico, la lezione dell’antropologia sociale. Per analogia si può parlare di lavoro al microscopio dello storico, che riesce a individuare la molecolarità dei processi sociali inseriti in un contesto più ampio, politico, economico, sociale.


Scale nel "Museo di Urban Art di Roma"


Sulle scale di Roma, gli interventi dello street-artist David Diavù Vecchiato.


La scala di Penrose


In un famoso articolo del 1958 i Penrose padre e figlio misero in evidenza quanto sia illusoria la concezione stessa di prospettiva, storicamente un trucco di altissimo livello per farci credere solido ciò che invece è piatto.


 

Silvia Vizzardelli, Io mi lascio cadere


Il lasciarsi cadere si situa in un incrocio fecondo tra la pratica analitica e la pratica estetica, in un punto di intersezione tra il racconto all’analista e la produzione dell’opera d’arte, a rimarcare l’idea che la falla provocata non è un baratro, ma un momento di creatività.